INCHIESTA FINPIEMONTE: ARRESTATO A TERNI PIO PICCINI

C’è anche l’imprenditore di Sansepolcro ma ternano di adozione Pio Piccini, 57 anni, tra gli arrestati dell’inchiesta della procura di Torino su Finpiemonte, che ha portato in carcere anche l’ex presidente della cassaforte della Regione Piemonte, Fabrizio Gatti. Piccini è stato bloccato dalla Guardia di Finanza del capoluogo piemontese nella sua abitazione di via Beccaria, nel centro di Terni, nell’ambito dell’indagine che ruota attorno all’investimento in una palestra. In ballo 50 milioni di euro che Gatti avrebbe spostato da Finpiemonte in una banca Svizzera. Da quel conto, secondo l’accusa, avrebbe fatto bonifici in favore di due società, amministrate da Piccini ed un altro imprenditore, il romano Massimo Pichetti. La documentazione è al vaglio dell’avvocato Manlio Morcella, che assiste legalmente l’imprenditore.

Condividi questo articolo tramite...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone